Blog

In questa sezione troverai articoli, interviste e approfondimenti dedicati al mondo della disabilità e a tanto altro. Sempre con una visione pratica ma su basi scientifiche, potrai leggere esperienze e progetti oltre che trovare risposte ai tuoi dubbi tramite la voce degli esperti.

Per consultare gli articoli scorri l’elenco verso il basso e clicca sul titolo di tuo interesse oppure nel box “Categorie” a lato, clicca sull’area che vuoi consultare, apparirà l’elenco dei titoli disponibili.

Scegli, clicca e leggi.

PROGETTO UNIVERSABILITY

Ecco le testimonianze scritte da alcuni dei ragazzi che partecipano al gruppo IC di Anffas Trento, la voce degli Auto-Rappresentanti

INTERVENTI SCRITTI RAGAZZI IC TRENTO   

Univers@bility: le nostre abilità a disposizione di tutti!

PARTECIPAZIONE, RESPONSABILITÀ E IMPEGNO:

Il ruolo degli autorappresentanti nella nostra comunità e nella nostra città!

Da molti anni l’Anffas di Rivarolo C.se è impegnata nel lavoro di inclusione sociale delle persone che vivono e frequentano la Fondazione Comunità La Torre di Rivarolo Canavese.

PROGETTO DIGITAL AGILITY

Digital Agility è una App facilitata realizzata dal gruppo di lavoro multidisciplinare della  Cooperativa Sociale Integrazione Biellese a marchio ANFFAS, per sostenere le persone  con disabilità alla luce dellattuale emergenza da COVID-19 e continuare a garantire loro  una piena partecipazione a tutti gli ambiti di vita.

A Casa Mia

É un progetto sperimentale, vincitore del bando Trust in Life 2020, che prevede l’avviamento delle persone con disabilità alla convivenza assistita in appartamento. Concepito dalla Coop. Soc. COME NOI di Mortara (ente gestore Anffas) è stato approvato dal piano di zona del Comune di Mortara (PV) come intervento sperimentale di welfare innovativo ai sensi della legge regionale 3/2008 costituendo un esempio concreto di progetto sociale coerente con i contenuti della Legge 112/2016 (Legge sul “Dopo di Noi”).

L-inc - Inclusione sociale e disabilità: percorsi di sperimentazione del Budget di Salute

Obiettivo del progetto è dare voce alla persona con disabilità nella scelta di dove, come e con chi vivere nella società, favorendo la partecipazione attiva nella costruzione del proprio progetto di vita. Il cambiamento atteso riguarda la capacità dei diversi attori del welfare territoriale di fare propria la visione sociale della disabilità e, attraverso un processo di progettazione personalizzata, ricomporre tutte le risorse disponibili verso percorsi di vita indipendente e di inclusione sociale.

IN PRIMA LINEA

In questo articolo mi sento in dovere di parlare dei genitori ed in particolare dei genitori con figli fragili, con maggiore attenzione dei genitori di persone con disabilità dalla nascita.

Noi tutti sappiamo che il “mestiere” di genitore è molto difficile, non c’è alcun maestro che possa insegnarlo, ogni persona che inizia a vivere il ruolo genitoriale deve scoprire da sé “come si fa”. In giro ci sono tanti buoni e cattivi maestri, ma solo ognuno di noi conosce veramente la propria realtà e di conseguenza deve scoprire da solo la propria genitorialità.

Riflessione sul tema della "relazione"

Ho approcciato la lettura del libro con molta curiosità e disponibilità alla ricerca di possibili nuovi sguardi sul tema della “relazione”.

La relazione è, a mio parere, un tema trasversale che attraversa in vari modi e con varie modalità la vita di tutti noi, dal rapporto genitori/figli al legame amoroso, attraversando il contesto del gruppo dei pari.

PARALIMPIADI, 69 MEDAGLIE PER L'ITALIA

Si sono conclusi i Giochi Paralimpici di Tokyo.   L'Italia chiude al 9° posto nel medagliere generale con 69 medaglie complessive: 14 ori, 29 argenti e 26 bronzi. Mai meglio di quest' anno. Ancora una volta, la passione sportiva, l'impegno, la dedizione e la forza di carattere, vincono sulle difficoltà della vita.

Assistenza persone con disabilità grave nei reparti di degenza

SONO IL GENITORE DI UN RAGAZZO CON DISABILITÀ GRAVE AL MOMENTO RICOVERATO PRESSO UNA STRUTTURA OSPEDALIERA.POSSO ASSISTERLO NEL REPARTO DI DEGENZA? SI

Compimento del diciottesimo anno d'età e interdizione

SONO LA MAMMA DI UN RAGAZZO CON DISABILITÀ. MI HANNO DETTO CHE AL COMPIMENTO DEL DICIOTTESIMO ANNO D'ETÀ DOVRÒ PER FORZA RICHIEDERE L'INTERDIZIONE. E' CORRETTO? NO

Menu